BLOG

blog

Questioni di metodo

by Gioele Dix (tratto da “Ridono di noi” – Mondadori)

divietotn


Per anni sono stato sui treni leggendo e rileggendo è pericoloso sporgersi senza capire il perchè di quella frase. Ma finalmente, non molto tempo fa, ho trovato la chiave per interpretare quell’espressione così oscura anche se quantomai familiare.

Ho capito cioè che occorreva procedere per sottrazione, ossia escludere i metodi di formulazione del messaggio usati per rivolgersi a tedeschi, francesi e inglesi.

Infatti è evidente che per ogni comunità linguistica –  e ciò vada a merito di quegli eccelsi inconsapevoli intellettuali che hanno redatto le targhette per conto delle ferrovie – è stato necessario trovare un modello di comunicazione che permettesse di rendere il messaggio non solo convincente, quanto piuttosto conforme alle attitudini, ai comportamenti e – perchè no- all’immaginario propri della comunità stessa.
Il metodo tedesco con gli italiani non funziona.

Infatti se si vieta categoricamente di compiere una qualunque azione a un tedesco, questi, pur dovendo reprimere fortemente la propria pulsione trasgressiva, pur tentando magari di infrangere il divieto di nascosto, sostanzialmente l’azione proibita non la compie.

Se, al contrario, si tenta di impedire, anche blandamente, di fare la stessa cosa un italiano, si può stare certi che l’italiano la farà. Io mi immagino le nefaste conseguenze di una targhetta scritta in italiano, ma con il metodo tedesco: è assolutamente vietato sporgersi!… Su di un treno a media percorrenza, un
Firenze – Roma, all’altezza di Arezzo sono già tutti tronchi!

Neanche il metodo francese potrebbe funzionare, perchè la nonchalance, qualità transalpina per cui nutro ammirazione, è purtroppo estranea alla nostra cultura.
Gli italiani non potrebbero mai amare e nemmeno apprezzare un atteggiamento verso le vicende e le scelte di vita così sfumato, che presupponga la possibilità di opzione individuale fra bene e male, in assoluta libertà, senza eccessi né sottovalutazioni.
Agli italiani tutto ciò suona confuso, indeterminato, vagamente inquietante.

In sostanza, o gli si permette di fare qualcosa, e allora la fanno; o gliela si vieta, e allora la fanno ugualmente.
Io non arrivo neppure a immaginare una targhetta in italiano con nonchalance, non esiste una terminologia adatta: non vale… sarebbe bene che… ma perché mai… Niente.
Con tutta la buona volontà di questo mondo, credo che nemmeno le Ferrovie della Stato riuscirebbero ad inventare una formula accettabile e, per coerenza, dovrebbero sicuramente mettere una targhetta vuota. E l’italiano, vedendo una targhetta vuota, ci scriverebbe sopra con un pennarello Forza Juve.

Il metodo inglese non funzionerebbe invece per un motivo più semplice. Abbiamo visto che gli inglesi godono di una fama pressoché usurpata di popolo educato e gentile.
Gli italiani no. Ma checché se ne dica nel mondo, noi invece siamo gente profondamente civile e disponibile, che certo non si spaventa né arretra diffidente di fronte a un please.
Noi italiani non difettiamo di certo in cortesia.

Il problema è un altro.
E’ che ognuno di noi, di fronte a una richiesta di favore, si insospettisce.

Io immagino perfettamente la scena.

L’italiano vede la targhetta con sopra scritto: per favore, non vi buttate dal finestrino… Ci pensa un po’ e poi chiede, ad alta voce:”Per fare un favore a chi?!”… Fa una pausa e poi riprende: “Ma mettiamo che ti faccia questo favore…” e già dal lei si passa immediatamente al tu, perché se parliamo di favori, perlomeno ti do del tu, “mettiamo che io ti faccia questo favore e non mi butti fuori dal finestrino… che per la verità ne avevo un po’ voglia… bè, scusa, a me cosa ne viene in tasca?… Che ne so, mi fai uno sconto sul supplemento rapido? Posso sedermi sui posti già prenotati?… Io lo voglio sapere subito… altrimenti, scusami tanto, ma se non me ne viene in tasca niente… io mi butto fuori, che cxxxo mi frega?!

10

4886

0

By Quelli di Comix

1 Commento

  1. jessy.94

    scs x quelli di comix..ma quando uno mette dlle imm dei cartelli o imm da ridere o altre cose cosi..non gli dovrebbero comparire anke sul loro profilo???

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEGGI ANCHE QUESTE!

Stranger Things: la collezione regalo dedicata alla serie TV Netflix

By Quelli di Comix

0

312

2

Le agende 12 mesi Comix Day e Comix Week 2021

By Quelli di Comix

232

26710

0

In diretta la finale dei Comix Games più incredibile di sempre!

By Quelli di Comix

12

920

0

L’e-commerce di Comix è finalmente online!

By Quelli di Comix

0

317

0

ANCHE QUESTE NON SONO MALE...

l'unica newsletter che non ti terrà aggiornato su nulla.
promesso.

© 2021 Franco Cosimo Panini Editore S.p.A. • www.fcpscuola.itPRIVACY