BLOG

blog

Non passano mai! (Le ore di lezione)

sleppeingstudent

Nell’arco dell’intera mattinata i comportamenti, la soglia d’attenzione e i riflessi variano a seconda dell’ora in cui i ragazzi si trovano a subire la lezione.

Stati d’animo incredibilmente divergenti fra loro si alternano durante le 5/6 ore di scuola nell’animo dello studente. La sua condizione è per certi versi accomunabile a forme di squilibrio isterico che colpiscono i carcerati.

1a ORA
Dopo circa dieci minuti passati in stato di reale attenzione, grazie forse alle simpatiche e gradevoli brezze invernali che gli hanno sciabolato la faccia durante il tragitto a piedi, in bici o in motorino, lo studente viene all’improvviso colpito da una botta di sonno micidiale. Una vera e propria clavata sulla nuca inizia a fargli ciondolare paurosamente il capo. Gli occhi prendono a chiudersi senza più rispondere ai dettami del cervello. Le parole dell’insegnante si fanno sorde, lontane, confuse. Dolci allucinazioni fanno apparire la cattedra come un materasso, e il professore sorridente saluta in pigiama e cuffietta da notte. Chi sta prendendo appunti non riesce più a controllare mano e braccio, che scivolano da soli verso scritture in stile “encefalogramma piatto”. Non c’è niente da fare: è la catalessi. Il giovane, ormai in stato di morte apparente, lotta con se stesso, invano. Chi si trova in posizioni defilate e “coperte” decide di appoggiare la testa sul banco o, più dignitosamente, riesce a raggiungere un equilibrio quasi stabile perennemente in bilico fra sonno e veglia.

I poveri tapini in vista, invece, con l’esperienza imparano a dormire a occhi aperti. Alcuni riescono anche ad annuire quasi a tono. Danni psichici permanenti mineranno la loro maturità.

N.B.:
Tutti coloro che hanno affrontato il tragitto casa-scuola in autobus, pullman o treno, alzandosi a spaventosi orari antelucani, non conoscono momenti di veglia. Hanno appreso a vestirsi, a fare lo zaino e ad abbandonare la loro abitazione durante il letargo. Sono sonnambuli efficienti. Si svegliano alla 2° ora.

2a ORA
Molti si destano, altri no. C’è chi inizia a trovare la forza di ridere e scherzare col vicino. Qualche pazzo secchione insopportabile, effettivamente nel pieno delle proprie facoltà, si dimostra attento e magari pone domande all’insegnante. Vade retro, Satana !

3a ORA
Il calo degli zuccheri inizia a farsi sentire. Sotto il banco comincia la silenziosa e furtiva divisione dei pani e dei pesci. Tozzi di schiacciate e brioche saltano nelle bocche degli studenti, che per non farsi vedere dal professore si mettono a masticare con lentezza estenuante. Lo sventurato che proprio durante queste faticose ingestioni venga interpellato dall’insegnante è costretto a deglutire giganteschi e acuminati boli alimentari. Lacrime di dolore gli spuntano dagli occhi arrossati. Poco prima del suono della campanella che segnala la ricreazione, alcune ragazze chiedono misteriosamente di uscire. Meta: il cesso, luogo in cui truccarsi con calma per apparire più belle davanti all’intera platea maschile, o al playboy della classe attigua.

4a ORA
Dopo la ricreazione, i giovani reclusi, ormai immersi nei concetti di “pausa” e “relax”, si mettono a organizzare tornei ludici. Carte, battaglie navali, tris e forza 4 i giochi più gettonati. Affiorano i primi chiari segni di stanchezza.

5a ORA
La stanchezza diventa devastazione. Col capo reclinato e due lontre putrefatte sotto le ascelle, lo studente si dedica a un’unica attività: fare lo zaino. Lentamente, precisamente, inesorabilmente. Il suono della campanella, agognato durante la precedente mezz’ora con ripetute e nevrotiche occhiate all’orologio, viene accolto come lo sparo di uno starter. La classe si dilegua in poche frazioni di secondo. A nulla vale la solita, cretina richiesta dell’insegnante: “Fatemi almeno finire la frase!”.

P.S.1: Esiste anche la 6a ora. Parrebbe ultramortale, ma non è così. La riduzione delle ore precedenti a 45/50 minuti fa sì che venga alterato ogni equilibrio biologico. La giornata sembra a volte essere più veloce. I professori, oppressi dai pochi minuti a disposizione, diventano quasi umani: dichiarano di non aver abbastanza tempo per interrogare e dunque, vabbé, per quel giorno si limiteranno ad andare avanti col programma.

91

7100

0

By Quelli di Comix

1 Commento

  1. Giulietta Sonohrina

    Stessa storia ank nella mia classe!!!! Solo k quando ci risvegliamo dal coma, facciamo 1 casino della malora: finkè i prof scrivono alla lavagna, ci mettiamo a cantare canzoni, 1 parola a testa!!!

  2. giulietta97

    nll mia classe si dorme cn ita e mate x tutte le altre ore casino incontrollabile!!! la 1 ora si riposa e alla 6 si è stanchi di ridere!!!

  3. cassidy95

    pare k in tt le classi è la stessa storia…. io ho imparato a dormire a okki aperti tt la mattina!!!!!-altro k italiano e mate!!! ecco k s’impara!!!!!-

  4. stop break the balls

    da noi ci sono quelli che alla prima ora soprattutto in caso di lezione di matematica sprofondano nella sedia e si attaccano alla tastiera del Motorola a messaggiare. privilegio concesso solo a quelli in ultima fila… come me…

  5. chiaraviu

    fichissimo,l’unica cosa che veramente s’impara a scuola è diventare perfetti sonnambuli_viva me_=0)

  6. Shikamaru

    wow… però hai dimenticato una categoria… cioè quelli che riescono a rimanere svegli e a scrivere un articolo-documentario come hai fatto te! ahahah

  7. ludovikk '95

    certo ke dice proprio la verità!!!!!! sei un grande!!!! soltanto ke io dormo apparentemente tt le ore!!

  8. Stef

    Brutti disgraziati ! nn sapete che c’è anche chi fa 8 ore al giorno??? già, sono una di quelli…
    mi fate rendere conto che la mia scuola è davvero un suicidio !!!

  9. Nefetta

    ahahah verissimoooo xD solo che invece di poggiarmi vicino al banco mi poggio vicino al muro XDXD

Lascia un commento

LEGGI ANCHE QUESTE!

ComixEbbasta, una Comix a forma di Sfera!

By Quelli di Comix

127

45112

21

Diari Comix 2021 – Arriva la Comix 2021 con tante novità!

By Quelli di Comix

235

19803

1

Stranger Things: la collezione regalo dedicata alla serie TV Netflix

By Quelli di Comix

0

575

0

Comix Yourself

By Quelli di Comix

0

126097

2

ANCHE QUESTE NON SONO MALE...

l'unica newsletter che non ti terrà aggiornato su nulla.
promesso.

© 2021 Franco Cosimo Panini Editore S.p.A. • www.fcpscuola.itPRIVACY