BLOG

blog

Letteratura italiana in pillole

Letteratura italiana riassunta per chi non ha molto tempo da perdere.

Ecco qui delle illuminanti pillole di letteratura italiana condensata dedicate a tutti gli studenti che necessitano di un rapido ripasso e che proprio non hanno voglia di scartabellare tra voluminosi tomi e sudate carte, un vero e proprio:

Corso rapido di apprendimento minimo per ottenebrati.
(By Daniele Luttazzi)

luttazzi

La Divina Commedia, di Dante Alighieri (1300)
Dante si fa un weekend nell’oltretomba.

Decamerone, di Giovanni Boccaccio (1348)
Sette ragazzi e tre ragazzi si eccitano a vicenda col racconto di episodi boccacceschi.

Orlando Furioso, di Ludovico Ariosto (1505)
La bella Angelica tradisce Orlando con un cavallo alato, l’Ippogrifo.

Il Principe, di Niccolò Machiavelli (1513)
Per arrivare al potere bisogna essere dei figli di buona donna.

La Gerusalemme Liberata, di Torquato Tasso (1575)
Tancredi ama Clorinda, che però non è cristiana, e Tancredi la converte uccidendola.

Antigone, di Vittorio Alfieri (1776)
Remake dell’omonimo dramma di Sofocle.

Ultime lettere di Jacopo Ortis, di Ugo Foscolo (1799)
Ortis ama Teresa, ma questa non gliela dà, e lui s’uccide.

Zibaldone
, di Giacomo Leopardi (1817)
Le donne non lo cagano per via della gobba, Giacomo cerca di farsene una ragione.

Promessi sposi, di Alessandro Manzoni (1825)
Renzo e Lucia rimandano le loro nozze finchè il lettore non ne può più, e allora si sposano.

Odi Barbare, di Giosuè Carducci (1877)
Il poeta accetta l’idea della morte. Come se potesse fare altrimenti.

I Malavoglia, di Giovanni Verga (1881)
Una famiglia perde un carico di lupini e va in rovina.

Myricae, di Giovanni Pascoli (1891)
Liriche soavi dopo che ignoti gli hanno ammazzato il padre.

Alcyone, di Gabriele D’Annunzio (1903)
Monotonie sonore da un esperto di auto-erotismo.

Il fu Mattia Pascal
, di Luigi Pirandello (1904)
Un uomo vince una forte somma a Montecarlo e non dice nulla a sua moglie che lo crede morto.

Zang, tumb, tumb, di Filippo Tommaso Marinetti (1914)
Gasp, sigh, sigh.

Verso la cuna del mondo, di Guido Gozzano (1917)
Svenevolezze di un feticista di crinoline.

La coscienza di Zeno, di Italo Svevo (1923)
Un uomo ha un esaurimento nervoso, e non si riprende.

Ossi di seppia, di Eugenio Montale (1925)
Sono poesie. Ma sono farina del suo sacco?

Gli Indifferenti, di Alberto Moravia (1929)
Le noiose avventure di una famiglia di ipocriti.

Quer pasticcio brutto de via Merulana, di carlo Emilio Gadda (1957)
Sarebbe un ottimo romanzo giallo, se alla fine l’autore si ricordasse di dirci chi è l’assassino.

Castelli di rabbia, di Alessandro Baricco (1989)
Ovviamente sto scherzando.

danieleluttazzi

Naturalmente la nostra gloriosa storia letteraria è piena zeppa (purtroppo per gli studenti tapini) di capolavori non citati dall’utile vademecum di Luttazzi.
La sfida è aperta: di quali altri celebri titoli siete in grado di restringere e strizzare la trama?
Ai posteri l’ardua sentenza…

29

7895

0

By Quelli di Comix

1 Commento

  1. Vaporone

    Il Canzoniere, di Francesco Petrarca (1501)
    Sono le poesie d’amore di Petrarca per la bella Laura. Laura è la donna perfetta. A metà del libro muore.

  2. Cappellaio matto

    La Locandiera, di Carlo Goldoni, (1752)
    La storia di una donna che scarica con divertita perfidia conti, marchesi e cavalieri, e impalma Fabrizio, povero morto di fame, al fine di governare meglio la locanda per cui prova un attaccamento monomaniaco.

  3. cika_robenji

    Il Ritratto Di Dorian Gray:Uno non vuole invecchiare e allora invecchia il quadro e poi s’uccide.

    Don Chishotte e Sancio Panza:un pazzo e un ciccione fanno i cretini e poi diventano intelligenti,ma muoiono.

  4. Korallina

    Madame Bovary, Flaubert, 1856. Una donna povera sposa un medico di paese e gli mette le corna perchè cerca un uomo più ricco. Poi muore. Puoi muore anche il marito.

  5. bhettax

    Cent’anni di solitudine, Gabriel Garcia Marquez: beh, il titolo dice tutto… 🙂 scherzo è molto bello!

  6. reddy

    marcovaldo di italo calvino:marcovaldo è un uomo povero in canna e sfigato e per guadagnarsi da vivere fa delle scemenze.

  7. Annamarena

    “I delitti della Rue Morgue” di Edgard Allan Poe… Due donne vengono uccise…ma l’assassino non è un uomo, ma un gigante e ciccioso orango che alla fine non possono neanche arrestare…PERCHè LE MANETTE NN GLI ENTRANO!!!

  8. Annamarena

    L’Odissea di Omero…
    Ulisse poteva dire sin dall’inizio che non voleva tornare più dalla moglie per farsi tutte le donne del mondo…Poi alla fine geloso che la moglie voleva sciegliere altri uomini…torna a casa, uccide i contendenti e si fa di nuovo la moglie.

  9. i_am_darkangel

    Eneide di Virgilio: Anche Enea come Ulisse perde il tom tom ma è più veloce e ritrova la strada dopo solo 10 anni. Purtroppo poi lo aspettano altri 10 anni di guerra. Forse era andata meglio a Ulisse…

  10. i_am_darkangel

    La Divina Commedia di Dante Alighieri: Dante racconta il suo trip dopo una serata di baldoria durante la quale deve aver un pò esagerato con gli allucinogeni.

  11. i_am_darkangel

    Io voglio del ver la mia donna laudare di Guido Guinizzelli: L’autore esprime tutto il suo desiderio di unire il suo corpo con quello di una donna nell’eterno idillio dell’amore.
    Lo vostro bel saluto e ‘l gentil sguardo di Guido Guinizzeli: L’autore se la prende perché nessuna gliela dà.

  12. valentina_berchet

    Medea di Euripide: dopo aver avuto 2 figli da lei, il marito la vuole tradire, ma Medea uccide l’amante, il padre d lei, i figli…insomma fa una strage! e muore anche lei.

  13. valentina_berchet

    Il Simposio di Platone: alcuni personaggi in vista dell’antica Grecia parlano dell’amore: è bello, è brutto, è buono, è cattivo… mettetevi d’accordo!!

  14. valentina_berchet

    Odissea di Omero: Ulisse perde il tom tom e si perde nel Mediterraneo. Torna a casa 20 anni dopo.

  15. LadyKelith

    piccole donne di luise may alcott
    parla d quattro sorelle, la protagonista è jo…ma siamo così sicuri ke sia una ragazza??

  16. lupetta007

    ahahha bellissimi… è un libro nn un poema, ma cmq
    Il Barone Rampante, Italo calvino (1957) un ragazzo impazzisce e va a vivere sugli alberi, decide di nn scendere +… alla fine si aggrappa ad una mongolfiera e si suicida gettandosi in mare, mantendendo così la promessa di nn tornare in terra… {ma cm gli è venuto??????}

Lascia un commento

LEGGI ANCHE QUESTE!

Le agende 12 mesi Comix Day e Comix Week 2021

By Quelli di Comix

232

26988

0

Scomix by Sio

By Quelli di Comix

179

5854

1

Stranger Things: la collezione regalo dedicata alla serie TV Netflix

By Quelli di Comix

0

583

0

L’e-commerce di Comix è finalmente online!

By Quelli di Comix

0

575

0

ANCHE QUESTE NON SONO MALE...

l'unica newsletter che non ti terrà aggiornato su nulla.
promesso.

© 2021 Franco Cosimo Panini Editore S.p.A. • www.fcpscuola.itPRIVACY